FANDOM


Formazione delle squadre a tre…?
Boruto episodio 38
(スリーマンセル、結成…?, Surīmanseru, Kessei…?)
Informazioni
Episodio Boruto #38
Precedente Boruto #37
Successivo Boruto #39
Trasmissione
Giappone 20 dicembre, 2017
Squadre Introdotte
Team 5Team 7Team 10Team 15Team 25Team 40

Formazione delle squadre a tre?... (スリーマンセル、結成…?, Surīmanseru, Kessei…?) è il trentottesimo episodio dello spin-off di Naruto e Naruto Shippuden, Boruto: Naruto Next Generations.

Trama

Shino riunisce i suoi studenti per un'ultima lezione, al termine della quale, assegnerà ciascun genin ad una squadra composta da tre membri. Chocho desidera essere assegnata alla stessa squadra di Sarada e allo stesso modo, Boruto spera di venire assegnato nello stesso team del suo migliore amico Shikadai. Purtroppo però, come la stessa Sarada afferma, saranno i maestri a decidere le assegnazioni. Shino spiega che una squadra a tre, indica dei compagni ai quali si può affidare la propria vita e questo perché nelle prossime missioni, il lavoro di squadra potrà fare la differenza tra la vita e la morte. Denki Kaminarimon, Iwabee Yuino e Metal Lee vengono assegnati alla Squadra 5. Wasabi Izuno, Sumire Kakei e Namida Suzumeno costituiranno la Squadra 15. Hoki Taketori, Hako Kuroi e Renga Kokubo faranno parte della Squadra 25. Enko Onikuma, Doshu Goetsu e Tsuru Itoi saranno la Squadra 40. Chocho Akimichi, Shikadai Nara e Inojin Yamanaka costituiranno invece la nuova formazione del leggendario team Ino-Shika-Cho, sotto il nome di Squadra 10, proprio come i loro genitori. Rimasti per ultimi, Boruto Uzumaki, Mitsuki e Sarada Uchiha vengono invece assegnati alla Squadra 3 e il loro responsabile sarà il maestro Konohamaru Sarutobi.

Sarada, nonostante conosca le capacità di Boruto, non è d'accordo con la scelta delle assegnazioni e desidera potere essere assegnata ad un'altra squadra, in quanto i due non condividono alcuna affinità. Shino esorta Sarada a non essere impulsiva, ma la ragazza è più che determinata a diventare Hokage e sente che non ci riuscirà mai, dovendo trascinarsi al suo fianco Boruto. Konohamaru spiega allora che i due dovranno consegnare una concessione ad personam all'Hokage stesso, per comunicare e spiegare le ragioni della loro decisione. I due raggiungono il suo palazzo, ma Shikamaru, li informa che il Settimo si trova attualmente fuori sede per presenziare ad un'esercitazione. Il capo della guardia è Mirai Sarutobi, e la ragazza, adesso diventata una Chunin, non lascerà avvicinare nessuno alla zona senza un'autorizzazione. Boruto, Sarada e Mitsuki la incontrano infatti al limitare della zona di esercitazione, su di un ponte, decisa ad ostacolare il loro passaggio. Mentre Sarada e Boruto cercano di avvicinarsi, lei fa cadere le redini del ponte, rischiando di farli sprofondare nel vuoto. Mitsuki riesce però ad intervenire in tempo grazie all'utilizzo dei suoi serpenti, che diventano così i nuovi cardini del ponte.

Decisi a raggiungere Naruto ad ogni costo, mentre Boruto cerca di tenere occupata Mirai, Sarada per mezzo del suo Sharingan cerca di individuare i suoi punti deboli, in modo da rendere il combattimento più facile e veloce. I due vengono però sconfitti quasi immediatamente. A quel punto, interviene il maestro Konohamaru, il cugino di Mirai. Con l'aiuto di Mitsuki, il maestro fa loro capire che i due, troppo focalizzati l'uno sui movimenti dell'altra, annullano i propri punti di forza a vicenda. Collaborando, i due riescono a tendere una trappola a Mirai, che finisce per essere appesa per una corda giù dal ponte. Raggiunto Naruto, Boruto, Sarada e Mitsuki, invece che domandare di essere assegnati ad un altro team, gli domandano di potere assegnare alla squadra il numero 7, invece che il numero 3. Sarada gli promette che raccoglieranno la loro eredità e la supereranno. Soddisfatto del loro ritrovato affiatamento, Naruto dichiara la nascita di una nuova generazione della Squadra 7.

Produzione

Personaggi Principali

Personaggi Ricorrenti

Tecniche Utilizzate

Galleria


I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.