FANDOM


La persona che voglio diventare
Boruto episodio 47
(成りたい駒, Naritai Sugata)
Informazioni
Episodio Boruto #47
Precedente Boruto #46
Successivo Boruto #48
Trasmissione
Giappone 28 febbraio, 2018

La persona che voglio diventare (成りたい駒, Naritai Sugata) è il quarantasettesimo episodio dello spin-off di Naruto e Naruto Shippuden, Boruto: Naruto Next Generations.

Trama

Shikadai implora Ryogi di abbandonare questi suoi folli ideali e accusa Gekko di manipolarlo per raggiungere i suoi scopi, il quale replica che la realtà non cosi semplice come lui crede e accusa Shikadai di essere soltanto un ragazzino ingenuo. Boruto non è impressionato dalle ragioni di Gekko e lo colpisce con uno dei suoi kunai, che Ryogi blocca, rompendo la sua maschera. Shikadai chiede a Ryogi perché protegga Gekko e perché sia così fedele ai suoi ideali, e il ragazzo gli racconta di come Gekko lo abbia salvato. Shikadai sostiene che non ci sia nessuna ragione per diventare un ladro, e Ryogi critica la sua convinzione di come funzioni la vita, in quanto a differenza sua, lui ha sempre vissuto in un villaggio prospero e pacifico. Shikadai gli domanda allora se tutta la loro amicizia sia stata una falsa e se tutte le loro partite di shogi siano state una bugia. Ryogi gli risponde però che è stato tutto un modo avvicinarsi a lui. Prima che il ragazzo possa però continuare il suo discorso, viene colpito da un forte mal di testa, che gli è in realtà provocato dallo stesso Gekko. L'uomo infatti lo manipola per mezzo di un genjutsu e gli ordina di mettere fuori gioco i ragazzi per permettergli di scappare con il rotolo.

Shikadai e Boruto si ritrovano così circondati da una barriera ghiacciata e dai sei specchi di cristallo. Shikadai cerca di avvertire Boruto che non si tratta di una normale tecnica del ghiaccio, ma per il ragazzo è troppo tardi, perché è già caduto in uno stato di trance. Mentre si muovono attraverso il treno, Ryogi continua ad avere strani mal di testa, e i suoi ricordi e la sua vera personalità riemergono. Gekko mostra però a Ryogi il suo riflesso attraverso uno specchietto, ripristinando il sigillo maledetto. Boruto, sotto il genjutsu di Ryogi, vede Shikadai come un membro della banda di Byakuya e lo attacca. Shikadai comprende che i sei specchi di cristallo sono la causa del suo problema e provvede a distruggerli attraverso i suoi kunai. Dopo di che libera Boruto dal genjutsu infondendo in lui il proprio chakra. Quando Boruto gli domanda come ne sia stato capace, Shikadai gli spiega che questa sua abilità è il frutto del suo allenamento con la cugina Mirai. Gekko nota il tassello dello shogi che Shikadai ha regalato a Ryogi, il quale insiste sul fatto che non significano nulla. Gekko lancia il tassello fuori dal treno e ordina a Ryogi di dare prova della sua fedeltà uccidendo i suoi amici e attivando il suo sigillo maledetto.

In capo al treno, Gekko uccide uno dei membri della banda. Shikadai condivide con Boruto il sospetto che Ryogi sia sotto l'effetto di un genjutsu, e lo avverte di non guardare gli specchietti. I due cercano di arrivare a Gekko per fermarlo, ma Ryogi li intercetta e li blocca. Boruto va avanti per acciuffare Gekko, mentre Shikadai rimane ad affrontare l'amico, intrappolandolo nella sua stessa ombra. Intanto impedisce a Gekko di disconnettere il suo carro dal resto del treno. Shikadai prova a parlare con Ryogi ma il suo sigillo maledetto si attiva e lo attacca. Il sigillo maledetto avvelena la mente di Ryogi, che vede Shikadai come colui che ha ucciso i suoi genitori. Gekko riesce ad eludere Boruto attraverso un'altra delle sue illusioni per una manciata di secondi, riuscendo a guadagnarsi il tempo necessario per separare il proprio vagone dal suo e quindi a fuggire. Boruto utilizza allora la sua Arte del Vento su Shikadai, permettendogli di stabilire un contatto fisico con Ryogi e di spezzare il suo genjutsu. In questo modo, Ryogi ricorda che Gekko è stato colui che ha ucciso i suoi genitori. Una volta riemersa la sua vera personalità, i due tornano amici come prima. Naruto intanto, riesce ad intercettare il vagone su cui Gekko sta viaggiando e sfruttando il chakra che la modalità delle volte gli concede, riesce ad arrestare la sua fuga e a catturarlo.

Più tardi, Gekko viene interrogato da Kotaro della polizia della Foglia circa i suoi crimini, mentre Boruto restituisce a Katasuke il suo rotolo. L'uomo è in realtà lusingato dal fatto che qualcuno si sia mostrato così interessato a rubare una delle sue tecnologie, in quanto vuol dire che queste sono molto valide. Quando Boruto gli chiede cosa sia custodito all'interno del rotolo, Katasuke ne estrae una scatola che contiene una tecnologia tale da permettergli di manipolare tutti gli elementi del chakra e quindi, di utilizzare letteralmente tutte le tecniche ad oggi conosciute. In questo modo, anche le persone normali un giorno saranno in grado di utilizzare il chakra. Anche Ryogi viene momentaneamente imprigionato, ma adesso è felice perché, avendo recuperato il tassello che Shikadai gli aveva donato, sa di avere un amico ad aspettarlo. Boruto e Shikadai discutono della missione, adesso che l'era della Banda Byakuya è finita. Se non fosse stato per il Settimo, Gekko sarebbe loro sfuggito. Tuttavia Shikadai incoraggia Boruto a non abbattersi perché un giorno miglioreranno e anche Ryogi ovviamente.

Produzione

Personaggi Principali

Personaggi Ricorrenti

Tecniche Utilizzate


I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.