FANDOM


Garaga
Garaga
(ガラガ, Garaga)
Debutto
Anime Boruto: Naruto Next Generations #76
Doppiatori
Seiyu Masashi Nogawa
Informazioni
Sesso Gender Male Maschio
Specie Serpente
Fedeltà Ryūchi Cave Symbol Caverna dei Draghi
Konohagakure Symbol Villaggio della Foglia
Compagno Boruto Uzumaki (evocatore)

Garaga è uno dei serpenti giganti che vivono nella Caverna dei Draghi. È l'animale da richiamo di Boruto Uzumaki.

Descrizione

Aspetto

Garaga è un serpente gigante di colore rosso. Possiede una cicatrice sul suo occhio destro, ormai cieco. Sotto il mento possiede la scaglia della rabbia.

Carattere

Dal temperamento irascibile ed aggressivo, viene evitato da tutti gli altri serpenti giganti.

Abilità

Può tramutare in pietra chiunque con il suo veleno.

Storia

Passato

In passato durante uno scontro venne tradito dal suo evocatore che lo ferí, rendendolo cieco dall'occhio destro.

Boruto: Naruto Next Generations

Su indicazione dell'Eremita Serpebianca, Garaga viene raggiunto da Boruto e dai suoi compagni per sottrargli la sua scaglia della rabbia. Durante un breve scontro Garaga viene fermato da Aoda, intervenuto per proteggere Sarada Uchiha, figlia di Sasuke Uchiha, permettendo ai ninja di ritirarsi. Dopo che i ninja del Villaggio della Foglia con la complicità di Aoda hanno ideato un piano, Garaga viene nuovamente attaccato da questi. Durante lo scontro Garaga utilizza il suo veleno pietrificando Chocho Akimichi, e poco dopo ferisce Aoda. Dopo aver capito le intensioni del gruppo di ninja di rubargli la sua scaglia, Garaga li attira nel suo campo di battaglia, dove può utilizzare la roccia che lo circonda per mimetizzarsi. Dopo aver capito il suo punto debole, Garaga viene sconfitto dai ninja. Garaga e Boruto hanno un confronto verbale, alla fine della quale Boruto sceglie di non sottrargli la scaglia ma gli propone di stipulare un patto di evocazione per dimostrargli che si sbaglia sulle intenzioni di Mitsuki. Garaga accetta la proposta fatta dal giovane ninja.

Riferimenti

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.