FANDOM


Orochimaru contro la forza portante [1]
Shippuden episodio 42
(大蛇丸VS人柱力, Orochimaru tai Jinchūriki)
Informazioni
Episodio Naruto: Shippuden #42
Saga Saga della riunione tanto attesa
Precedente "Missione segreta"
Successivo "Le lacrime di Sakura"
Manga Capitoli 294, 295:
"La quarta coda!"
"Verso la Volpe a Nove Code!"
Trasmissione
Giappone 10 gennaio 2008
Italia 13 marzo 2009
Tecniche Introdotte
Schema dei Diecimila Serpenti
Riassemblamento di Serpenti
Richiamo: Tripla Rashomon
Teriosfera

Orochimaru contro la forza portante (大蛇丸VS人柱力, Orochimaru tai Jinchūriki) è l'episodio 42 della serie Naruto: Shippuden.

Trama

Naruto, nella sua seconda versione a quattro code, inizia a combattere contro Orochimaru, che cerca di utilizzare i suoi serpenti per afferrare Naruto, ma il chakra della Volpe a Nove Code finisce per incenerirli. Mentre il chakra inizia ad incenerire anche il suo corpo, Orochimaru utilizza la sua Tecnica della Sostituzione del Corpo per rigurgitare un nuovo corpo prima che quello vecchio fosse completamente incenerito. Mantenendo la parte inferiore del suo corpo uguale alla coda di un serpente, Orochimaru striscia molto velocemente verso Naruto e colpisce al volto, ma il ragazzo si fa crescere la testa di volpe e gli artigli grazie al chakra e seziona a metà il corpo di Orochimaru. Utilizzando la sua tecnica Riassemblamento di Serpenti, Orochimaru riesce a riconnettere le due parti e a rigenerarsi, poi cerca di finire Naruto sputando diecimila serpenti, ognuno di essi armato con una spada in bocca. Naruto, però, riesce a creare con una sola mano una devastante esplosione di puro chakra che incenerisce i serpenti e scaglia in aria Orochimaru. Sai e il clone di legno di Yamato non riescono ad interferire a causa dell'intensità della battaglia, ma il clone avvisa il vero Yamato che Naruto ha raggiunto la sua forma a quattro code.

Sakura e Yamato vengono avvicinati su ciò che resta del Ponte Tenchi da Kabuto, che si chiede in che modo il Villaggio della Foglia fosse venuto a sapere che avrebbe dovuto incontrare Sasori in quel luogo e a quell'ora. Kabuto afferma che nemmeno gli altri membri dell'Organizzazione Alba sapevano del loro incontro e, siccome Sasori non è il tipo di persona che dà informazioni sotto tortura, capisce che il ninja dell'Organizzazione doveva essere stato catturato o ucciso. Quando Sakura gli dice che Sasori è morto, Kabuto ne è felice e dice ai due che Sasori portava rancore verso Orochimaru e diceva sempre che lo avrebbe ucciso, quindi deve aver detto loro che aveva organizzato questo incontro segreto per far loro uccidere Orochimaru al suo posto.

Dall'altro lato del ponte ormai distrutto, Naruto si prepara ad usare la tecnica somma dei Cercoteri: la Teriosfera. Il clone di Yamato si chiede come sia possibile che Naruto riesca ancora a muoversi nonostante abbia così tanto chakra sopra il suo corpo e Orochimaru si chiede la stessa cosa, affermando che quella quantità di chakra lo dovrebbe ancorare al terreno. Mentre Naruto ingoia la palla di chakra, la densità aumentata di quel chakra lo fa sprofondare nel terreno, ma riesce a scagliare la Teriosfera come raggio dalla bocca verso Orochimaru, che cerca di bloccare l'attacco utilizzando la tecnica Richiamo: Tripla Rashomon, una delle tecniche difensive più potenti, che viene però spazzata via dalla Teriosfera. Come ultima speranza, Orochimaru utilizza la Spada Kusanagi per cercare di trafiggere Naruto, ma quando la spada lo colpisce non viene trafitto ma scagliato contro un muro vicino al ponte. Sakura, Yamato e Kabuto vedono per la prima volta la forma a quattro code di Naruto e, mentre Kabuto osserva che è la volta in cui Naruto è andato più vicino a trasformarsi completamente nella Volpe a Nove Code, Sakura rimane scioccata dalla visione del suo compagno.

Curiosità

  • Questo è il primo episodio del franchise in cui Naruto non viene doppiato, a causa del fatto che comunica solamente con grugniti, ringhi e ruggiti.

Riferimenti

  1. Titolo doppiaggio italiano
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.